Tina bella, ciao

anselmiUno dei rimpianti della storia repubblicana italiana può certamente essere considerato quello di non aver eletto Tina Anselmi Presidente della Repubblica.

La partigiana “Gabriella” è stata sindacalista, politico, prima donna Ministro,  esponente di punta della Democrazia Cristiana ammirata  dalla sinistra, anche quella più radicale.

Affrontò  la Presidenza della Commissione sulla P2 indagando a fondo quel buco nero in cui la Repubblica stava per essere inghiottita con dedizione e caparbietà.

Un lavoro immane ed anche pericoloso che, a ben pensarci, altro non era che il naturale prosieguo della sua attività antifascista.

Con lei si spegne un riferimento per tutti coloro che credono nella democrazia rappresentativa. Tina Anselmi ha dimostrato come il “lavoro” di politico possa essere svolto con onestà e capacità anche per tutta la vita, mettendosi al servizio della comunità senza alcun tornaconto personale.

W la scuola

Raccolta fondi per l’acquisto di materiale scolastico da destinare ai bambini ed ai ragazzi di Amatrice.
Perché la vita torni a scorrere normalmente laddove ora ci sono ancora lacrime e dolore.

wwterrIl terremoto lacera vite e comunità, lascia segni indelebili. Noi lo sappiamo bene perché l’abbiamo vissuto sulla nostra pelle. Chi ha più di quarant’anni non potrà mai dimenticare, chi ne ha meno lo ha ascoltato dai racconti familiari.
Asciugata l’utima lacrima, quando l’attenzione mediatica e dell’opinione pubblica inevitabilmente diminuisce, una popolazione, così profondamente ferita, rischia di affrontare da sola l’immane fatica della rinascita.

L’Associazione #CambiaMenti, a seguito di contatti avuti con il comune di Amatrice, promuove una raccolta di fondi per l’acquisto di materiale scolastico – colori, quanderni, penne, etc – da destinare agli studenti delle zone colpite dal sisma del 24 agosto scorso. (altro…)

Da Genova ad Ankara : viaggio nella deriva della democrazia

Diaz-g8-di-genova-sitoIl quindicesimo anniversario dei tragici eventi che fecero da contorno al G8 di Genova, per una singolare e significativa coincidenza, vanno ad innestarsi sul dibattito sulla deriva autoritaria che anche un governo democraticamente eletto, come quello turco, può decidere di percorrere.

L’irruzione all’interno della scuola Diaz e le torture presso la caserma di Bolzaneto furono una drammatica ed inammissibile sospensione dei diritti democratici : il principio della intangibilità del corpo, anche di quello degli arrestati e dei prigionieri, che distingue una democrazia da una dittatura, fu palesemente violato in nome di una repressione fanatica che alcuni settori delle forze di Polizia attuarono approfittando del clima politico che allora circondava l’evento ligure.

Il ruolo dei media fu fondamentale: l’utilizzo del telefonino come videocamera permise di evitare che tutto si chiudesse con una verità ufficiale di comodo (come avvenuto in diverse altre occasioni negli anni precedenti) e permise di inchiodare gli autori di quelle nefandezze alle proprie responsabilità politiche e morali, prima ancora che a quelle giuridiche che per la verità sono state piuttosto deludenti, non avendo ancora introdotto in Italia il reato di tortura.

turchia_arrestati_twitter_cnn-e1468925779603Analogamente oggi in Turchia, le immagine dei corpi ammassati e nudi degli arrestati a seguito del fallito e controverso golpe militare, impongono una riflessione seria sul ruolo dei sistemi democratici. Non è sufficiente che un governo si definisca democratico esclusivamente sulla base del voto che lo ha legittimato: la democrazia va esercitata ogni giorno, soprattutto nei confronti di chi la pensa diversamente ed a cui va riconosciuta la possibilità di esprimere sempre e comunque la propria opinione e a cui va garantita la possibilità di candidarsi ad alternativa di governo.

Sembra un’ovvietà ma gli arresti avvenuti proprio in Turchia, negli anni scorsi, di giornalisti scomodi e di oppositori politici, ma anche i fatti di Genova 2001 ci inducono a pensare che anche in democrazia la conquista dei diritti fondamentali non è mai un’ovvietà.

Grande partecipazione di pubblico per l’iniziativa su ambiente

13422256_1194732130561380_5387684201031591552_oGrande partecipazione di pubblico, non solo nocerino ma anche dei comuni limitrofi, dimostratosi attento e coinvolto dalla professionalità dei relatori, per l’incontro organizzato dall’associazione #CambiaMenti e patrocinato dal Comune di Nocera Inferiore dal titolo ‘Ambiente e salute. Studio sull’inquinamento e gli impatti sulla salute pubblica’.

E’ stata la preziosa occasione per un focus su un tema scottante – il rapporto tra inquinamento e salute – realizzato grazie all’impegno dei componenti dell’associazione #CambiaMenti con l’obiettivo di presentare alla comunità lo studio sull’inquinamento in Campania, in particolare nell’agro nocerino-sarnese, condotto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Portici, e di concentrare la discussione sulle relazioni tra patologie e matrici ambientali inquinate. (altro…)

Ambiente e salute

Manifesto

Studio sull’inquinamento e gli impatti sulla salute pubblica

Si svolgerà domani venerdì 17 giugno presso l’aula consiliare del Comune di Nocera Inferiore alle ore 18,30 un incontro sull’inquinamento e gli impatti sulla salute pubblica organizzato dall’Associazione #CambiaMenti.

L’iniziativa ha lo scopo di presentare lo studio sull’inquinamento in Campania ed in particolare nell’Agro Nocerino Sarnese condotto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Portici e di discutere sulle relazioni tra patologie e matrici ambientali inquinate.

All’incontro pubblico, che è stato patrocinato dal Comune di Nocera Inferiore, interverranno il dott. Antonio LIMONE (Commissario Istituto Zooprofilattico Sperimentale per il Mezzogiorno), la dott.ssa Tiziana SPINOSA (Referente Regione Campania alla Commissione Ministeriale Terra dei Fuochi), il dott Mario FUSCO (Direttore Registro Tumori Regione Campania c/o ASL Napoli 3 Sud) e il dott Enrico COSCIONI,  Consigliere del Presidente della Regione Campania alla Sanità.coscioni

Quest’ultimo ha dichiarato “di partecipare volentieri al convegno promosso da #Cambiamenti su un argomento così delicato che sarà anche l’occasione per illustrare ai cittadini il lavoro che si sta facendo in Regione Campania sul tema”.

TORQUATOAprirà il dibattito il primo cittadino di Nocera Inferiore, l’avv. Manlio Torquato che si è detto “certo che il dibattito potrà offrire anche all’Amministrazione comunale, peraltro già attenta alla tematica affrontata, ulteriori spunti di riflessione sulle iniziative da promuovere in materia ambientale”.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Je suis gay

new-york-pride_custom-1cc8e4e8338854f3d0cda61126fb715fa3cfe07b-s1300-c85E’ strano il popolo della rete. Il popolo che trasuda giustamente indignazione contro il politico imbroglione, contro Equitalia che se la prende col pensionato, contro il terrorista arabo che uccide innocenti , contro il pedofilo della porta accanto che viola l’innocenza dei bambini.

E’ strano il popolo della rete che solidarizza con Parigi attaccata dai terroristi, che mostra le matite a favore della satira, che piange il bambino morto cullato dalle onde del mare, che colora le bacheche di bandiere della pace, che mostra i nastrini ad ogni piè sospinto, che è sempre un je suis qualcosa.

Ma ora quel popolo dov’è?
Poche reazioni alla strage di Orlando, una strage così lontana dall’Italia, geograficamente ma soprattutto civilmente. E allora forse si capisce perché ci sono voluti decenni per avere uno straccio di legge sui diritti civili, perché si riconoscesse che la discriminazione sessuale è odiosa quanto quella razziale. (altro…)

Studio sull’inquinamento e gli impatti sulla salute pubblica

WhatsApp-Image-20160609Convegno a Nocera Inferiore di presentazione di uno studio sull’inquinamento e gli impatti sulla salute pubblica.

L’associazione #CambiaMenti promuove un nuovo evento a Nocera Inferiore –  saranno presentati i risultati degli studi del progetto “Campania Trasparente” con il contributo di importanti personalità del mondo scientifico.

Questo convegno ha lo scopo di presentare lo studio condotto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Portici sull’inquinamento in Campania ed in particolare nell’Agro Nocerino Sarnese.

Sulla base di questi dati, la Regione Campania sta sostenendo, attraverso Istituti scientificamente riconosciuti a livello Nazionale, le correlazioni tra patologie e matrici ambientali inquinate.

  (altro…)

Disturbi dell’apprendimento e del comportamento, giornata conclusiva

DSA_incontri_A3Si terrà martedì giugno alle ore 17.30 presso la sede di via Nola della Scuola Secondaria di I Grado «Solimena» di Nocera Inferiore la giornata conclusiva dell’ iniziativa “#CambiaMenti incontra la scuola: disturbi dell’apprendimento e del comportamento.”

L’ iniziativa si è articolata in quattro seminari, tenuti dalla psicologa dr.ssa Mariapia Contento, a cui hanno partecipato insegnanti, operatori del settore e genitori e durante i quali sono stati affrontati i molteplici aspetti che caratterizzano i disturbi dell’apprendimento e del comportamento in età scolare.

Alla giornata conclusiva del prossimo 7 giugno, moderata dalla dr.ssa Contento, interverranno il prof. Giuseppe PANNULLO Dirigente Scolastico Scuola Secondaria di I grado «Solimena-De Lorenzo», la dott.ssa Domenica SENATORE Neuropsichiatra infantile Responsabile NPIA Cava de’ Tirreni, la dott.ssa Gabriella PIROLLO Dirigente Psicologo c/o NPIA Cava de’ Tirreni e la prof.ssa Maria Laura VIGLIAR Assessore alla Pubblica Istruzione Comune di Nocera Inferiore. (altro…)

Una giornata particolare

wp-1464380654545.jpgIeri ho avuto modo di partecipare allo sbarco di 1.017 persone al porto di Salerno. È stato il terzo sbarco in cui ho collaborato come mediatrice culturale, lo sbarco più corposo tra i tre. Ammetto che non è stato per nulla semplice gestire alcuni momenti della giornata di ieri; all’improvviso mi sono ritrovata da sola in mezzo ad una miriade di ragazzi, tutti provenienti dall’Africa Subsahariana.

Per quanto riguarda la suddivisione dei compiti, nello specifico non c’è una mansione ben definita anche se noi mediatori cerchiamo di accelerare le procedure di identificazione. Facciamo compilare dei moduli in cui il migrante deve inserire nome, cognome, data di nascita, paese di provenienza, sesso e firma. Per i minori non accompagnati e i nuclei familiari facciamo delle annotazioni a margine del modulo. (altro…)