Nocera 2020

VNV21_004Lucia è una studentessa universitaria e per guadagnare qualcosina fa la baby sitter “sociale”. Il Comune le ha indicato la famiglia meno abbiente che ha bisogno di una mano.

Peppe è un commercialista. L’Amministratore di un condominio lo ha contattato perché un condomino necessità di chiarimenti sul 730.

Ilaria è un’oculista: ha deciso di mettere del tempo a disposizione della comunità: sta controllando gli occhi di Mario il pensionato che accompagna il figlio a scuola la mattina, quando lei è fuori città perché lavora all’ospedale di Sapri. Anche Mario ha messo a disposizione un po’ del suo tempo per la collettività e lo scambia con quello di Ilaria.

Carla è una moglie sfortunata; vive a casa una situazione difficile col marito violento. Si sta recando allo Sportello Donna per farsi assistere in una separazione che si prevede dura.

Paolo e Caterina hanno un bambino, Francesco, che frequenta la seconda elementare. Francesco ha bisogni speciali rispetto agli altri bambini. Paolo e Caterina si sono rivolti allo sportello organizzato presso la scuola e lì hanno incontrato insegnanti e psicologi che li stanno aiutando ad affrontare il problema di Francesco.

Lisa è un architetto e con altri due colleghi ha messo su un’impresa che si occupa di valorizzazione del centro storico. La società è nata velocemente grazie alle semplificazione burocratiche nel frattempo intervenute. La società ha sede in uno degli uffici che affiancano il museo della Caserma Tofano; anzi Lisa ha lavorato con la Sovraintendenza ed il Comune per organizzare la sistemazione della Caserma stessa.

Mimmo è un operaio. Lavora con un impresa edile che però da qualche tempo non costruisce palazzi, ma ha riconvertito la sua attività ed opera nella bonifica del bacino idrografico del fiume Sarno con il coordinamento dell’Ente Unico Ambiente che la Regione Campania ha da qualche anno istituito.

Chiara è una studentessa delle superiori. Abita a Piedimonte e frequenta il liceo scientifico. Ogni mattina va a scuola in bici, utilizzando il sistema di bike sharing organizzato dall’amministrazione comunale.

Il cartello di associazioni culturali denominato VivaNoceraViva sta organizzando il calendario degli eventi per l’anno prossimo.  Il fulcro sarà l’edizione del Festival   che anche quest’anno si svolge nel Castello sulla collina ormai recuperato a spazio fruibile da tempo grazie alla collaborazione tra le stesse associazioni e l’ente Comune. Ci saranno ospiti importanti e c è da organizzare anche il servizio delle navette elettriche.

Lucia, Peppe, Ilaria, Mario, Carla, Paolo, Caterina, Lisa, Mimmo, Chiara sono cittadini di Nocera nel 2020.  Sono cittadini di Nocera, né Inferiore né Superiore, ma solo Nocera.